News

Attenzione ai Marchi Collettivi
06/08/2019

Poiché le modifiche al Codice della PI hanno introdotto, a fianco del Marchio Collettivo, il Marchio di Certificazione (che ha lo scopo di garantire la corrispondenza di prodotti e servizi a determinate caratteristiche o qualità), le norme transitorie rendono OBBLIGATORIO entro il 23.3.2020 la conversione nell’una o nell’altra forma, pena la decadenza di tutti i marchi registrati in precedenza come Collettivi. 

[Leggi tutto]

Due milioni di Marchi Comunitari
23/07/2019

Dalla nascita dell’Euipo nel 1994, sono stati depositati ben due milioni di domande di registrazione (non tutte arrivate a concessione, ovviamente), delle quali circa il 70% appartiene ad aziende europee. 

[Leggi tutto]

Varie sui marchi
24/06/2019

- Il Tribunale Generale della Eu ha confermato in appello l’annullamento del marchio di Adidas costituito dalle tre strisce oblique e parallele. La registrazione era stata concessa nel 2014, ma nel 2016 la società Belga Shoe Branding Europe aveva chiesto l’invalidazione della medesima per mancanza di carattere distintivo, sia intrinseco che acquisito a seguito dell’uso (secondary meaning). 

[Leggi tutto]

Varietà vegetale: Mela Pinova
24/06/2019

La mela varietà Pinova è stata ottenuta dall’ente tedesco Sächsisches Landesamt für Umwelt, Landwirtschaft und Geologie e registrata sin dal 1995 presso l’Ufficio Comunitario delle Varietà Vegetali (UCVV). Un’altra società teutonica ne ha sfidato la validità, sostenendo che la varietà era in vendita già prima della richiesta di registrazione, circostanza che avrebbe distrutto la novità e, quindi, la validità della registrazione. 

[Leggi tutto]

DICHIARAZIONE D’USO ANCHE IN ARGENTINA
04/06/2019

Incombenze più pesanti degli Usa adottate dall’Ufficio Marchi Argentino: sarà necessaria una dichiarazione d’uso ogni 5 anni, tra il 5° ed il 6° anno, anche dopo il rinnovo, per tutte le registrazioni concesse o rinnovate dal 12.1.2013 (quindi già ora ci sono registrazioni soggette all’incombenza).

Come in USA, si tratta di una dichiarazione, senza onere di allegare prove dell’uso, soggetta alle sanzioni per le dichiarazioni menzognere ed è previsto un semestre di grazia successivo alla scadenza nel quale si può presentare la dichiarazione pagando la mora. Tuttavia, in assenza della Dichiarazione, la registrazione resta in vigore, ma esposta ad azioni di decadenza. Se l’uso del segno ha inizio, esso regolarizza la situazione e protegge la registrazione da azioni di decadenza.
Va tenuto presente che l’assenza di dichiarazione impedisce il deposito della domanda di rinnovazione.
Anche l’Ufficio marchi, in determinate situazioni, può chiedere la cancellazione, consentendo al titolare, però, di difendersi. E’ opportuno conservare prove d’uso per ciascun anno.
 

* Questi articoli non sono da considerare pareri legali né li sostituiscono ed i commenti sono di mero carattere generale.